tutti i vantaggi dei nuovi assegni ed il Check Image Truncation

Dal 1 luglio 2016 è obbligatorio per le banche italiane fornire i propri clienti esclusivamente i nuovi assegni aventi caratteri microforati e datamatrix.

Fronte assegni

Perchè sono state aggiunte queste nuove caratteristiche agli assegni ??

Troverai una ampia delucidazione in questo  mio  articolo che ti posso riassumere in questi scopi principali :

  • Contrastare il fenomeno della falsificazione   [specialmente nei casi di invio per posta di assegni]
  • Attuare  la procedura di dematerializzazione degli assegni e quindi eliminare totalmente  lo  scambio fisico dei titoli.

Se contrastare il fenomeno della falsificazione sembra essere il più rilevante [in Italia siamo “specialisti” in questo], l’adozione della totale dematerializzazione degli assegni e la conseguente “digitalizzazione” delle procedure di check truncation [in parole semplici come le banche si scambiano fra loro i dati e gli assegni per i relativi pagamenti] sarà la vera innovazione e taglio di costi per gli istituti di credito.

Come le banche potranno trarre i maggiori benefici da queste nuove procedure ??

benefici

 

I maggiori costi operativi  sono oggi dovuti al trasporto fisico degli assegni ed alla gestione esterna tramite service (circa 80% del costo). Con la  procedura introdotta dalla circolare tecnica ABI del marzo 2016, una banca potrà immediatamente tagliare i costi, ad esempio del servizio di posta giornaliera tra agenzia e sede/service [gli assegni sono l’unica ragione per doverla mantenere attiva giornalmente], potendo delegare il service solo per la archiviazione cartacea (max 6 mesi salvo necesità della autorità giudiziaria) dell’ assegno.

Da Check Truncation a Check Image Truncation [CIT]

La nuova procedura CIT  dopo un periodo di testsarà operativa da Maggio 2017 e sostituira totalmente la vecchia procedura entro Luglio 2017. Questa porterà benefici  al cliente sulla sicurezza e tempestività degli incassi degli assegni garantendo alla banca un taglio dei costi operativi.

Check Image truncation

Nella nuova procedura avrà un ruolo fondamentale la banca negoziatrice, cioè quella che riceve l’assegno per l’incasso in quanto ha la responsabilità di “catturare” i dati e l’immagine del titolo e  di verificarne la qualità. La scansione e decodifica dell’assegno dovrà essere  sempre rispondente con gli standard delineati dalla circolare tecnica ABI del Marzo 2016 e successive implementazioni.

ASA

  • DATAMATRIX
  • NUMERO MICROFORATO
  • NUMERO ARABICO OCRB
  • CODELINE 
  • IMMAGINE ASSEGNO

Nel caso di errori di lettura o decodifica o incongruenza tra i dati riportati sarà obbligo della banca negoziatrice inviare l’immagine dell’assegno anche se questo sotto soglia (inferiore ai € 5.000,00).

Nell’acquisizione dell’immagine dell’assegno dovrà essere garantita la migliore rispondenza del titolo all’originale cartaceo, in modo da poterne rilevare eventuali alterazioni e/o anomalie.

L’importanza di avere un hardware per l’acquisizione dell’immagine ed applicativi di decodifica che mi consentano di assicurarmi una  affidabilità costante nel tempo   sono fattori di vitale importanza nel nuovo processo di CIT.

IMAGE QUALITY ASSURANCE

“il negoziatore dovrà dotarsi di apposita strumentazione utile a svolgere specifici controlli di qualità (cd. Image Quality Assurance – IQA) durante la fase di acquisizione delle immagini compresse (jpeg) e potrà presentare al pagamento mediante CIT solo quegli assegni per i quali siano rispettati i parametri di qualità relativi ai 14 fattori di controllo descritti nella tabella che segue”

parametri IQA

Il tuo sistema di acquisizione dovrà assicurarti che questi 14 punti siano pienamente rispettati, potendone garantire nel tempo la validazione dell’assegno.

Solamente uno scanner documentale A4 può garantirti tutto ciò, salvaguardando il tuo investimento e facilitando il lavoro dei tuoi operatori di sportello.

  • NO ad errori di lettura
  • NO ad immagini non conformi
  • NO a perdite di tempo per gli operatori di sportello

Non solo assegni ma qualsiasi documento tu debba digitalizzare allo sportello o in back office uno scanner documentale A4 è la soluzione che ti garantirà bassi costi di esercizio e la piena compatibilità alle normative vigenti e future.

 

La tua banca è pronta a questa nuova procedura ???

 

Per qualsiasi informazione inviami una email a info@luigidessi.com ti rispondero immediatamente.

Un Caro Saluto

luigi firma

2 comments

  • Toni

    E chi lavora nei Service che attualmente gestiscono lo scambio attraverso stanza lo prende in quel posto, visto che i cosidetti Service che per anni hanno fatto il lavoro per le banche chiuderanno.

    • Luigi Dessi

      Ciao Toni,
      capisco e comprendo la tua preoccupazione, che con l’adozione di questo nuovo tipo di procedura il processo di compensazione degli assegni porterà ad una notevole diminuzione del carico di lavoro ai service esterni. Questo è valso anche con l’adozione da parte delle banche dei sistemi di selezione delle banconote allo sportello (Cash in-cash out / selezionatrice da sportello). Anche gli istituti di vigilanza hanno avuto un calo sostanziale della lavorazione delle banconote.
      In un processo produttivo è inevitabile che con il tempo si abbiano cambianti.
      Cari Saluti
      Luigi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *